• Ca' d' Gal

    La Tenuta

    L'uva Moscato, che esiste in un'enorme varietà di differenti tipi, colori e caratteristiche, è indubbiamente una delle più popolari al mondo., l'uva è conosciuta localmente come Moscato Bianco di Canelli. “Asti” in Piemonte la città che ha dato il suo nome ad una denominazione importante, il Moscato d'Asti, e all’ Asti Spumante, famosi in tutto il mondo. Uno dei migliori produttori di Moscato è Alessandro Boido della qui citata Ca’d’ Gal.

    ...
  • Cascina del Monastero

    La proprietà di Morra Cascina del Monastero si trova nella zona a sud di Alba, dove il maestoso Nebbiolo dà alla luce i potenti, longevi e spesso indimenticabili vini della denominazione conosciuta come Barolo. La struttura una volta apparteneva al monastero locale di Mecenasco che, per tre secoli, ospitò i monaci benedettini. Ma il Monastero nel 1800 fu chiuso e la cascina venne donata alla Marchesa di Barolo. Da qui, dopo varie vicissitudini, la famiglia Grasso entra in scena: Cascina del Monastero è stata acquistata nel 1926 da Alessio Grasso, nonno

    ...
  • Francone

    Ospitalità - nel senso più ampio del termine - è un concetto relativamente nuovo nell’ambito del vino italiano. Un coinvolgimento attivo del pubblico era, se non scoraggiato attivamente, qualcosa di eccentrico e certamente non incoraggiato. L'interazione tra i produttori e gli amanti del vino, ora considerata normale e indispensabile, non lo era affatto in passato. La famiglia Francone di Neive nella zona di produzione del Barbaresco DOC è una specie di eccezione. Già più di un secolo fa, nel tardo ‘800, i produttori di vino hanno stabilito un contatto diretto

    ...
  • La Contea di Neive

    La Tenuta

    Tonino Verro è un uomo che ha avuto una prestigiosa carriera nella sua lunga e fruttuosa vita, la quale lo ha visto diventare un importante protagonista nel mondo del vino Piemontese. Nato nel Roero nel lato ad occidente del fiume Tanaro è cresciuto in un certo senso in mezzo alle vigne, anche se la sostanziale espansione della coltivazione di vigne, un movimento nel quale ha avuto una parte considerevole, è iniziata solo a partire dagli anni ’80 in poi. Verro e sua moglie, Claudia Francalanci, un’eccellente cuoca che ha avuto un ruolo di rilievo

    ...
  • Malvirà

    Il Tanaro è un fiume molto significativo. È il più grande affluente di destra del Po, in termini di lunghezza. È rilevante, in termini viticoli, invece, in quanto costituisce la linea di confine tra le due principali aree viticole intorno alla città di Alba. A destra, o oriente, della riva del fiume, la zona è chiamata le Langhe, dove il terreno calcareo offre un ambiente ideale per il grande Nebbiolo e per i vini di fama mondiale che ne godono. Il lato occidentale è conosciuto come Roero, dove i suoi terreni sabbiosi, anche se coltivati a vite, costituiscono

    ...
  • Paitin

    Nessun record di continuità nella produzione è detenuto, per quanto si sa, sulle colline delle Langhe, ma la tenuta Paitin nel Comune di Neive sarebbe certamente un concorrente ideale per una posizione di leader nel settore. La proprietà è stata acquistata, infatti, da Benedetto Elia nel 1796. I vini iniziarono ad essere imbottigliati nel lontano 1893, un periodo in cui l’imbottigliamento del vino di ogni sorta non veniva praticato da nessuna parte in Italia. La tradizione continua attualmente sotto la direzione del Secondo Pasquero Elia e i suoi figli Giovanni e

    ...
  • Palladino

    La Tenuta

    Dopo molti anni di tentativi falliti dalla revisione delle leggi sul controllo delle denominazioni d’Italia negli anni ‘90, il Barolo ha stabilito per sé una serie di cru ufficiali. I burocrati, essendo quello che sono, idearono lo scomodo e per niente facile da comprendere nome di “Indicazioni Geografiche Aggiuntive” un numero sostanziale di cru. Molti, onorano i nomi dei famosi vigneti che, per generazioni hanno dato alla zona di produzione i suoi più celebri vini. Il totale complessivo è 170 e il paese di Serralunga d’Alba, dove

    ...
  • Paolo Manzone

    Uno dei segnali per capire se una zona ha un alto livello vinicolo, con un distinto talento per la produzione di vini eccellenti, è l’abilità, non solo di creare nuovi nomi e facce, ma anche nuove zone per la viticoltura, storie e crus, che siano in grado di dare ulteriore lustro e gloria alla zona. Pochi possono mettere in dubbio che il Barolo sia un'area di questo tipo o che Serralunga d'Alba, nel corso dei decenni e delle generazioni, abbia prodotto i vini più intensi, concentrati, e di lunga durata. Indubbiamente i nomi dei produttori della borgata

    ...
  • Piazzo Armando

    La popolarità in tutto il mondo del Barolo è in qualche modo un fenomeno recente. Inizialmente non era molto conosciuta ma tutto ciò è cambiato in modo drastico in 25 anni. Una delle conseguenze è stata l'esplosione del numero di produttori che imbottigliano il proprio vino: una dozzina negli anni '70 si è trasformata in molte centinaia nel nuovo millennio. E, in questo contesto, è facile dimenticare l'importanza delle case storiche d'Alba, una delle quali è indubbiamente quella che porta il nome del suo fondatore, Armando Piazzo, che l'ha creata

    ...
  • Poderi Einaudi

    Il nome Einaudi evoca alla mente l’immagine dei molti ed importanti ruoli che furono assunti da questo economista, politico e uomo di stato, durante i problematici anni che l’Italia ha vissuto nel corso del 20 esimo secolo. Einaudi era un Senatore durante gli anni che seguirono la Prima Guerra Mondiale, un padre fondante della Repubblica Italiana dopo la Seconda Guerra Mondiale, ed in seguito Presidente della Repubblica Italiana dal 1948 al 1955.

  • Rocche Costamagna

    Il Barolo può vantare cru molto famosi, vigne di calibro superiore, dalle quali si ottengono vini che ne creano la fama e la gloria. Per dirla in modo diverso: un’area senza vini di livello superiore incontra grandi difficoltà nella vendita dei suoi prodotti e della loro denominazione, rimanendo così nell’anonimato. In questo specifico caso, il lato occidentale dell’area di denominazione del Barolo (ove sono siti i comuni di Barolo e La Morra) vanta da sempre prestigiosi cru, il quale valore in ambito monetario e di produzione si eleva sempre

    ...
  • Stroppiana Dario

    Il Barolo ha dovuto percorrere un lungo tragitto nell’ultimo mezzo secolo; un tempo era un vino conosciuto quasi esclusivamente da un esiguo numero di mercati in Italia ma era poco conosciuto ed apprezzato nei mercati internazionali. Fino a quando Andre Simon, all’epoca il gastronomo numero uno del mondo, potè scrivere nel 1950 che “Bardolino” era un tipo di Barolo inferiore, meno richiesto o apprezzato dai veri intenditori! In nessun altro luogo c’è stato un cambiamento così profondo e apprezzabile come in quest’area meridionale della città

    ...
  • Tenuta Carretta

    L'azienda vinicola

    Alba, come la maggior parte del sud del Piemonte, era essenzialmente una zona rurale fino alla Seconda Guerra Mondiale. Ancora oggi l’agricoltura costituisce una fetta importante nell’economia locale, considerando ovviamente la fama internazionale che è stata conquistata da Barolo e Barbaresco, ma due importanti attività produttive sorsero ad Alba nel dopoguerra e hanno mantenuto la loro importanza da allora. Una è la Ferrero, il cui cioccolato fa la gioia di tutti i bambini in tutti i cinque continenti.

  • Tenuta Montanello

    La Tenuta

    Castiglione Falletto, situato nel cuore dell’area di denominazione del Barolo, a sud della città di Alba è un piccolo Comune della DOCG, una delle più piccole sottozone di tutta l'area di produzione del Barolo. Tuttavia nella gran parte della superficie vitata è piantato il celebre Nebbiolo, che qui dà risultati molto importanti. Infatti la combinazione della sua struttura, il corpo, la forza e l’eleganza, sono segni inconfondibili di un grande vino. La Morra a ovest può esprimere maggiormente fragranza e finezza, Serralunga ad est più

    ...
  • Tenuta Montemagno

    La Tenuta

    Nel cuore del Monferrato, tra i colori dei campi in fiore e il sapore della vendemmia troviamo Tenuta Montemagno, un’azienda posizionata in un luogo che da sempre si dedica all’amore per il vino, e infatti la produzione del vino rappresenta la primaria attività della Tenuta Montemagno. I vini Doc e Docg prodotti nascono dalla straordinaria passione della Proprietà, Tiziano e Flavio Barea. La terra custodisce il tesoro più prezioso della Tenuta, dallo stesso comune di Montemagno i vigneti si estendono fino ad Altavilla, Viarigi e Casorzo.

    ...
  • Villa Sparina Resort

    La tenuta Villa Sparina, situata tra le colline di Gavi, comune dal quale prende il nome l’omonima DOCG, comprende 100 ettari di proprietà, di cui 70 ettari di vigne circondate dai boschi. La maggior parte dei vigneti è collocata nella frazione di Monterotondo ed è coltivata a Cortese, il vitigno autoctono che caratterizza questo terroir, che dà vita al Gavi di Gavi. Questa varietà viene vinificata anche in un elegante e fresco Spumante Brut, ottenuto secondo le regole del Metodo Classico. Dal 1997 Villa Sparina vinifica separatamente le uve provenienti da una

    ...